la nostra residenza

Obiettivo della Residenza Dottorale è offrire un ambiente che sia occasione per una convivenza all’insegna della condivisione e del confronto reciproco.

Destinatari sono giovani laureati che hanno iniziato a dedicarsi allo studio e alla ricerca; in particolare dottorandi, specializzandi di medicina, borsisti presso l’Università degli studi di Padova e laureati con borsa di studio o contratto a tempo determinato del CNR. La composizione pluridisciplinare può favorire uno scambio stimolante non solo dal punto di vista scientifico ma anche umano e spirituale.

Si auspica che gli studiosi siano disponibili a una ricerca, a un dialogo su temi culturali e di ricerca spirituale, impegnandosi a partecipare attivamente ad iniziative intese a promuovere tali ricerche e dialoghi. L'icona etiope del'amicizia può essere considerata il simbolo della residenza.

Agli studiosi ospiti è affidata la cura degli ambienti, nonché la programmazione di eventuali attività comuni, determinandone ritmi e modalità. I residenti si impegnano a partecipare, fatti salvi i personali impegni accademici, ad almeno alcune delle proposte spirituali e culturali del Centro Universitario.

La Residenza Dottorale, quale componente del Centro Universitario, è posta sotto la direzione del Direttore del Centro, che partecipa alla vita della Residenza, garantendo a tutti il rispetto delle proprie idée, in un clima di autentica pluralità.

L’ammissione alla Residenza Dottorale avviene dopo colloquio con una apposita Commissione che terrà conto del precedente curriculum accademico del candidato e anche di eventuali presentazioni da parte di un docente universitario, come pure di una eventuale presentazione ecclesiastica. L’ammissione sarà, di regola, da settembre al luglio successivo, con diritto di permanenza negli anni successivi, fino al termine della durata del Corso di studi, della borsa di studio o del contratto a tempo determinato. Si perde il diritto alla permanenza per scarsa presenza nella Residenza, insufficiente partecipazione alle iniziative di ricerca e di dialogo in particolare quelle del Centro Universitario, mancato rispetto di un regolamento da concordarsi.

Partecipazione economica. L’ammissione implica, di norma, l’impegno a contribuire economicamente al funzionamento della Residenza, con una somma mensile il cui importo preciso dipenderà dalla sistemazione del posto letto. I posti letto disponibili sono 12 tutti in stanza singola. Ogni stanza, arredata con letto, armadio, scrivania, sedie, libreria, dispone di un proprio bagno e di collegamento Internet.

Locali comuni sono uno spazio di ingresso, attrezzato a salotto con TV e tavolo per riunioni, e una cucina; è disponibile anche una lavanderia, situata al piano terra. La residenza, dotata di ingresso proprio distinto da quello del Centro, è munita di ascensore. Gli studiosi residenti potranno liberamente fruire degli spazi del Centro stesso, compatibilmente con le altre attività ospitate nel palazzo.

La Residenza non è dotata di garage per le automobili.